MAPPP La democrazia parlamentare nell’Unione europea

Master in Parlamento e politiche pubbliche (M.A.P.P.P.)

Syllabus del corso

anno accademico 2018/19

Denominazione dell’insegnamento: La democrazia parlamentare nell’Unione europea

Docente: Nicola Lupo (Jean Monnet chair on “Understanding European Representative Democracy”)

Università/Istituzione di appartenenza: LUISS School of Government

Con interventi di: Cristina Fasone, Renato Ibrido, Andrea Manzella

Mail: nlupo@luiss.it

Descrizione del corso

Il corso si propone di approfondire i profili costituzionali dell’Unione europea, concentrandosi in particolare sulle relazioni di integrazione fra il diritto costituzionale degli Stati membri e sulle caratteristiche della democrazia parlamentare europea.

Il corso sarà aperto e chiuso del prof. Andrea Manzella, il quale tra il 2010 e il 2012 ha tenuto un simile ciclo di lezioni nell’ambito di una Cattedra Jean Monnet ad personam, assegnata dalla Commissione europea. Oltre a seminari a più voci, saranno proposte alcune esercitazioni tematiche, per consentire ai partecipanti al Master a considerare letteratura in lingue diverse dall’italiano e con materiali di prima mano, anche di natura normativa e giurisprudenziale.

 

 

Testi di riferimento

  1. Manzella, Sui principi democratici dell’Unione europea (Lezioni Jean Monnet 2010-2012), Editoriale scientifica, Napoli, 2013.
  2. Manzella, N. Lupo (a cura di), Il sistema parlamentare euro-nazionale. Lezioni, Giappichelli, Torino, 2014.
  3. Ibrido, N. Lupo (a cura di), Dinamiche della forma di governo tra Unione europea e Stati membri, Il mulino, Bologna, 2018.

Struttura del corso

Parte Prima

 

Titolo
1 Democrazia rappresentativa 1: Dialogo politico, controllo di sussidiarietà e “green card” da parte dei Parlamenti nazionali nell’Unione europea

 

Per approfondimenti di carattere generale o manualistico

C. Fasone e D. Fromage, From Veto Players to Agenda-Setters? National Parliaments and Their “Green Card” to the European Commission, Maastricht Journal of European and Comparative Law, vol. 23, 2, 2016, p. 294-316.

N. Lupo, Il terzo “cartellino giallo” e i multiformi usi dell’Early Warning System, in Quad. cost., 3, 2016, p. 571-572.

M. Olivetti, voce Parlamenti nazionali, in Digesto delle discipline pubblicistiche. Aggiornamento, 2012, Par. III, sottopar. 21-37.

Caso di studio: la proposta di direttiva recante modifica della direttiva 96/71/CE, relativa al distacco dei lavoratori nell’ambito di una prestazione di servizi: COM (2016) 128).

 

Materiali ulteriori

Report of the Task Force on Subsidiarity, Proportionality and “Doing Less More Efficiently”, July 2018: https://ec.europa.eu/commission/sites/beta-political/files/report-task-force-subsidiarity-proportionality-doing-less-more-efficiently_1.pdf

 

2 Democrazia rappresentativa 2: Il principio rappresentativo nel Parlamento europeo

 

Per approfondimenti di carattere generale o manualistico

L. Gianniti – L. Digiambattista, Il Parlamento europeo: composizione, organizzazione e funzioni, in A. Manzella – N. Lupo (cur.), Il sistema parlamentare euro-nazionale. Lezioni, Giappichelli, Torino, 2014, p. 21-50.

N. Lupo, A. Manzella, voce Parlamento europeo, in Dizionario di diritto pubblico, diretto da S. Cassese, Milano, Giuffrè, 2006, vol. V, pp. 4112-4124.

A. Manzella, Prima lettura di un Parlamento (un po’ meno) europeo in Federalismi.it, 28 maggio 2014.

G. Piccirilli, Maintaining a 4% Electoral Threshold for European Elections, in order to clarify access to constitutional justice in electoral matters: Italian Constitutional Court Judgment of 14 May 2015 No. 110, in European Constitutional Law Review, vol. 12, 1, p. 164-176.

Caso di studio: le sentenze della Corte costituzionale italiana n. 110/2015 e n. 239/2018.

Materiali ulteriori

Decisione del Consiglio 2018/994 del 13 luglio 2018 che modifica l’atto relativo all’elezione dei membri del Parlamento europeo a suffragio universale diretto, allegato alla decisione 76/787/CECA, CEE, Euratom del Consiglio del 20 settembre 1976, https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32018D0994&from=CS

 

3 Democrazia rappresentativa 3: I Parlamenti nell’Unione asimmetrica

Per approfondimenti di carattere generale o manualistico

D. Curtin – C. Fasone, Differentiated Representation: Is a Flexible European Parliament Desirable? in corso di pubblicazione in B. de Witte – E.Vos– A. Ott (cur.) Between Flexibility and Disintegration: The State of EU law today, Edgar Elgar Publishing, 2017, p. 118-145.

C. Fasone, Il caso del terzo pacchetto di aiuti finanziari alla Grecia e le asimmetrie nei poteri costituzionali dei Parlamenti nazionali, in DPCE online, 1, 2016

E. Griglio–N. Lupo, Toward an Asymmetric European Union, Without an Asymmetric European Parliament, SOG-WP20/2014

Caso di studio: il draft Treaty on the democratisation of the Euro area (su cui cfr. il dibattito su europeanpapers.eu).

 

4 Democrazia diretta, partecipativa e rappresentativa: Il rapporto dei parlamenti europei con i referendum e con le iniziative dei cittadini

Per approfondimenti di carattere generale o manualistico

M. Dougan, What Are We To Make of the Citizens Initiative?, in Common Market Law Review, 2011, 1807-1848.

F. Ferraro, L’iniziativa dei cittadini alla prova dei fatti, in R. Mastroianni – A. Maffeo (cur.), L’iniziativa dei cittadini europei, Editoriale Scientifica, Napoli, 2015, p. 57-70.

G. Martinico, Considerazioni comparatistiche sul referendum alla luce del caso britannico, in Diritto pubblico, n. 2, 2017, p. 429-467.

C. Fasone, Il parere della Corte Suprema canadese sulla secessione del Quebec. Quali spunti per le odierne tensioni secessioniste in Europa?, in G. Delledonne, G. Martinico e L. Pierdominici (cur.), Il costituzionalismo canadese, a 150 anni dalla Confederazione. Riflessioni comparatistiche, Pisa University Press, 2017

Caso di studio: Tribunal Constitutional de España, STC 42/2014 (versione spagnola o inglese)

Parte seconda

 

Titolo
1 Principi democratici e governance economica dopo la crisi (1)

I rimedi di contenimento del processo degenerativo. In particolare: i programmi di assistenza finanziaria e le politiche monetarie non convenzionali.

Per approfondimenti di carattere generale o manualistico

– R. Bin – P. Caretti – G. Pitruzzella, Profili costituzionali dell’Unione europea, 2015, pagg. 291-311, 315-338

Per ulteriori approfondimenti

– R. Bifulco, Le riforme costituzionali in materia di bilancio in Germania, Spagna e Italia alla luce del processo federale europeo, in R. Bifulco – O. Roselli (cur.), Crisi economica e trasformazioni della dimensione giuridica. La costituzionalizzazione del pareggio di bilancio tra internazionalizzazione economica, processo di integrazione europea e sovranità nazionale, Torino, Giappichelli, 2013, 139 ss.

– D.A. Capuano – E. Griglio, La nuova governance economica europea. I risvolti sulle procedure parlamentari italiane, in A. Manzella – N. Lupo (cur.), Il sistema parlamentare euro-nazionale. Lezioni, Torino, Giappichelli, 2014 227 ss.

– C. Fasone, European Economic Governance and Parliamentary Representation. What Place for the European Parliament?, in European Law Journal, 2, 2014, 164 ss.

 

2 Principi democratici e governance economica dopo la crisi (2)

I rimedi strutturali nella risposta alla crisi. In particolare: il rafforzamento del coordinamento delle politiche economiche, il principio dell’equilibrio di bilancio e l’Unione bancaria. Le procedure di Dialogo economico

Per indicazioni bibliografiche, cfr. lezione n. 1 della parte seconda del corso.

 

3 L’accountability democratica della Banca centrale europea

L’indipendenza delle banche centrali: una comparazione. La BCE nel quadro istituzionale europeo. Le procedure di Dialogo monetario e Dialogo bancario.

Per approfondimenti di carattere generale o manualistico

– R. Ibrido, BCE, in Digesto delle discipline pubblicistiche, Aggiornamento, Milano, Utet, 2017, 90-105.

Per ulteriori approfondimenti:

– F. Amtenbrink, The Democratic Accountability of Central Banks. A comparative study of the European Central Bank, Portland, Hart, 1999

– Barucci – Messori (cur.), Towards the European Banking Union: achievements and open problems, Bagno a Ripoli, 2014

– F. Capriglione, L’Unione bancaria europea: una sfida per un’Europa più unita, Torino, Utet, 2013

– R. Ibrido, L’Unione bancaria europea. Profili costituzionali, Torino, Giappichelli, 2017

– A. Manzella – C. Pinelli – L. Gianniti, Politica monetaria e politica economica nell’Unione europea, in Astrid, 2016

– C. Zilioli – M. Selmayr, La Banca centrale europea, Milano, Giuffrè, 2007

 

4 Le procedure di recesso dall’Unione alla luce del caso Brexit

L’art. 50 TUE. Il caso Miller. Secessione e recesso.

Per approfondimenti di carattere generale o manualistico

– F. Rosa, Brexit, Il divorzio del secolo, in DPCE, 3, 2016, 819-830 ss.

Per ulteriori approfondimenti

– German Law Journal, special issue, 17, 2016

– F. Savastano, Prime osservazioni sul diritto di recedere dall’Unione europea, in Federalismi, 22, 2015

– A. Tatham, “Don’t Mention Divorce at the Wedding, Darling!”: EU Accession and Withdrawal after Lisbon, in A. Biondi – P. Eeckhout – S. Ripley (cur.), EU Law after Lisbon, Oxford, OUP, 2012, 128 ss.

– A. Wyrozumska, Withdrawal from the Union, in Blanke – Mangiameli (cur.), The European Union after Lisbon: Constitutional Basis, Economic Order and External Action, Berlin-Heidelberg, 2013, 343 ss.